Dettagli sui personaggi e curiosità su Star Trek: Discovery emersi al Comic-Con

Il Comic-Con di San Diego ha ospitato un interessante e ricco incontro con parte del cast e dello staff della nuova serie Star Trek: Discovery.

Attori e produttori hanno rivelato moltissime nuove informazioni sulla serie e hanno portato in dote un nuovo trailer dello show e un nuovo poster (potete vederli entrambi cliccando qui). Erano presenti all’incontro l’attrice Sonequa Martin-Green (che interpreta il Primo Ufficiale Michael Burnham), Doug Jones (Tenente Saru), Jason Isaacs (Capitano Gabriel Lorca), Shazad Latif (Tenente Ash Tyler), Anthony Rapp (Tenente Paul Stamets), Mary Wiseman (Cadetto Sylvia Tilly) e James Frain (Sarek) oltre ai Produttori Esecutivi Alex Kurtzman, Gretchen J. Berg, Aaron Harberts, Heather Kadin Akiva Goldsman.


L’attore comprimario Rainn Wilson (Harry Mudd) ha moderato l’incontro e tenuto a bada attori e fan.


Di seguito gli argomenti principali discussi durante l’incontro.

Il rapporto tra Burnham e Sarek
Dopo mesi di speculazioni, i fan hanno potuto sentire dalla voce di Sonequa Martin-Green quale rapporto lega il suo personaggio a Sarek, il ben noto padre di Spock.

“Sono stata cresciuta su Vulcano da lui e Amanda.”

In un certo senso loro sono stati i suoi genitori, le persone che si sono fatte carico della sua educazione dopo la morte dei genitori biologici in un tragico incidente.

Secondo Frain, che interpreta Sarek, la serie Discovery è anche…

“…  l’esplorazione di chi è stato Sarek da giovane. Lui è il mentore di Michael e l’ha presa da giovanissima sotto la sua ala protettrice.”

Le ulteriori spiegazioni dell’attore hanno lasciato il pubblico decisamente perplesso:

“L’intero ideale Vulcaniano è qualcosa che si è evoluto nei secoli. In realtà loro hanno le emozioni e devo farci i conti. Burnham riesce ad aprire una breccia in Sarek, un’apertura [alle emozioni] che nemmeno lui sapeva di avere.”

Ovviamente molti convenuti si sono chiesti come fosse possibile che Spock avesse una sorellastra e non se ne fosse mai fatta menzione prima. Alex Kurtzman, con una punta di risentimento, ha tagliato corto:

“Ne siamo consapevoli. Vedrete che piega prende la faccenda, e sarà comunque aderente al canone di Star Trek.”


Chi è Saru?
Doug Jones
ha parlato del suo personaggio, un alieno totalmente nuovo per il panorama Trek (qui trovate alcuni dettagli sulla sua specie).

“Sono un Kelpien, e di sicuro ciò che non si è visto in nessun trailer sono i miei piedi. In effetti non sono piedi, sono zoccoli. Sono alto due metri e sono il personaggio più alto dello show. Camminare sui miei piedi è come camminare su delle palle.”

Dopodiché l’attore ha mostrato la sua particolarissima camminata sul palco.

Jones ha anche sottolineato come il suo rapporto con Bunham sia molto stretto e intimo, del tipo fratello e sorella.

Chiacchierando con i Klingon
La presenza dei più iconici alieni cattivi di Star Trek andrà ben oltre la semplice comparsata. Le vicende dell’intera serie saranno condizionate dalla loro presenza e gli accadimenti saranno determinanti per l’intero universo di Star Trek.
Un elemento importante per gli autori della serie è che i Klingon parlino nella loro lingua nativa.
Personaggi come T’Kuvma e L’Rell parleranno tra loro nel loro idioma. Kurtzman ha garantito che…

“… abbiamo effettuato un controllo puntale assicurandoci che parlassero in modo corretto.”

Per coloro che non parlano la lingua Klingon ci saranno sempre dei comodi sottotitoli.

In aggiunta i Klingon non saranno proposti come i soliti cattivi anzi, non saranno cattivi a tutti gli effetti. Lo show approfondirà la loro cultura, mostrandone la ricchezza e le sfaccettature individuali, arrivando a toccare quello che il canone ha già definito per loro in passato.

La prima volta per un Astromicologo
Il personaggio di Anthony Rapp sarà il primo a raggiungere nuovi traguardi per la storia televisiva di Star Trek.

Per la prima volta vedremo sullo schermo un esperto di funghi e, inoltre, si tratterà di un personaggio dichiaratamente gay. Il Tenente Stamets, questo il suo personaggio, avrà anche un compagno dichiarato nello show, interpretato dall’attore Wilson Cruz.

Cruz e Rapp sono amici e colleghi da ben 20 anni e hanno già lavorato assieme a Broadway nel musical Rent. Tra i due vi è già un’alchimia ben collaudata.

Capitani coraggiosi
Il nuovo trailer ha finalmente mostrato il Capitano Lorca, interpretato da Jason Isaacs, in azione.

Per quanto l’attore non abbia potuto rivelare molto del personaggio, alcune affermazioni hanno incuriosito non poco il pubblico.

“Non sarà come nessun altro personaggio, ma solo perché sono io a interpretarlo. Non ci provo nemmeno ad apparire o ad agire come i Capitani che mi hanno preceduto.”

Rispetto agli altri ben noti Capitani, Lorca potrebbe quindi apparire piuttosto “disturbato” e, sicuramente, eccentrico.

Il tema musicale di Discovery
Durante il panel, i produttori presenti all’incontro hanno svelato chi si occuperà della musica della serie. Si tratta de compositore Jeff Russo, ben noto per il suo lavoro su Fargo, ExtantLegion, CSI: Cyber e tante altre produzioni.

… dove nessuno è mai giunto prima
In conclusione ecco alcune affermazioni di attori e produttori che definiscono la serie ed enfatizzano come questa sia legata all’universo di Star Trek.

Queste le parole di Akiva Goldsman:

“C’è un elemento particolare che è la chiave per capire l’universo creato da Roddenberry, ed è il concetto di famiglia. [In Discovery] la formazione di una famiglia e la famiglia che uno si sceglie sono un valore trascendentale.”

Jason Isaacs ha ribadito l’importanza dei personaggi più che della storia:

 “Non c’è nient’altro che i personaggi. Ciò che accade tra i personaggi è tutto ciò che caratterizza la storia.”

Alex Kurtzman, che ha avuto lo sconveniente compito di difendere la produzione dai commenti più severi da parte del pubblico, ha così chiuso la questione della coerenza con il canone Trek:

“La squadra di autori è composta da grandissimi fan della Serie Classica e, ovviamente, vogliamo fare un lavoro molto accurato… rimanendo nel canone. Sarà solo su una scala più grande… ma siamo rimasti coerenti con le nostre origini.”

Star Trek: Discovery debutterà sulla piattaforma Netflix il 25 settembre 2017 anche in Italia. I quindici episodi della prima stagione verranno divulgati con cadenza settimanale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.